Philip Roth

In quanta stupidità dobbiamo calarci per giungere alla nostra meta, quali sconfinati errori bisogna saper commettere! Se qualcuno te lo dicesse prima, quanti errori dovrai fare, tu diresti no, mi spiace, è impossibile, trovatevi qualcun altro; io sono troppo furbo per fare tutti quegli errori. E loro ti direbbero, noi abbiamo fede, non preoccuparti, e tu diresti no, niente da fare, avete bisogno di uno molto più coglione di me, ma loro ripeterebbero che hanno fede in te, che tu ti trasformerai in un coglione colossale mettendoci un impegno che neanche ti immagini, che farai sbagli di una grandezza che neanche li sogni… perché è l’unico modo di giungere alla meta.”

Elba

Tramontati i sogni del wine bar, più che sogni, solo rotture di coglioni, senza esser riusciti in oltre 3 mesi a trovare nessun aiuto, sia economico che a garanzia, stiamo valutando l’ipotesi di prendere in gestione una struttura ricettiva in campeggio dell’isola….Non sarebbe poi così male, la parte economica non è dissanguante, visto anche ciò che chiedono in giro x un qualsiasi locale estivo….Soltanto che il padrone o meglio i padroni, che comunque sembrano a prima vista molto disponibili, hanno canbiato la bellezza di 11 gestioni negli ultimi 20 anni, asserendo che chi aveva la gestione non era mai stato all’altezza….Che sia sempre colpa dei gestori?….Il Bob che si butterebbe anche sulla brace viva, non si sbilancia ma è più propenso per il si….Io invece, smussato dalle troppe inculate ricevute nel tempo, ho poca voglia di rischiare, perfino l’entusiasmo non è dei miglori….è un periodo di vita con interesse uguale a zero…quello che viene viene….lascio tutto al caso….se sarà che sia, altrimenti faremo altro….ma non c’è molto tempo x decidere, al massimo questo fine settimana…..”….Bob dico….lasciami riflettere….devo trovarci il lato positivo….possibile cambiare così tante gestioni negli anni?….dicono che non erano all’altezza….ma chi michia vogliono…è pur sempre un campeggio……mi sembra ci sia qualcosa di poco chiaro….boh…..vedremo…..”…..,Blue intanto si fionda sulla spiaggia a pochi metri dal camping….sembra gradirla e dopo diverse annusate inizia il suo solito rotolamento fra la poca sabbia e le tante ghiaie….Il mare è calmo, sembra quasi una serata di primavera, 18 gradi alle 5 del pomeriggio….soltanto che invece di Aprile siamo ancora a Gennaio….meglio così, si risparmia un pò di legna….

A. Schopenhauer

 La vita e i sogni sono fogli di uno stesso libro.
Leggerli in ordine è vivere, sfogliarli a caso è sognare.

Renato Zero – Sogni di latta

Sortilegi
E stregonerie
Finti maghi
False ideologie…
Dei miei giorni,
Più non sono il re!
Mentre il tempo,
Scivola su me….
Sguardi vuoti,
Senza più realtà,
Nei silenzi,
Di chi si è arreso già…
Fermati, con me!
Forse insieme a te,
Salverò quest’anima,
Se da salvare è…
Dipingi un sole, se puoi …
Le stagioni, il mare, il vento e noi!
Dammi una stella che non sia,
Solo un satellite ma la stella mia…
Dimmi che ancora crescerò!
Anche se sono di latta i sogni che ho!!!
Chi può dirmi,
Se il mio cuore va…
Per impulsi d’elettricità…
Se la mente intatta
E’ quella mia,
O il prodotto di una batteria…
Dipingi un cielo che non sa,
Che cosa è la radioattività…
Un fiore…Un fiore rosso che mi dia,
Il suo profumo e di plastica non sia!
Dimmi che ancora esisterò…
Anche se sono di latta i sogni che ho!!!
Dipingi un uomo, se c’è…
Che non porti la morte con se!
Che non distrugga gli ideali suoi,
Spacciando borotalco ai figli tuoi.

Subsonica – Corpo a corpo

Stanco di vedere le parole che muoiono
stanco di vedere che le cose non cambiano
stanco di dover restare all’erta ancora
respirare l’aria come lama alla gola.
Stanco di vedere le parole che muoiono
stanco di vedere che le cose non cambiano
stanco di dover restare all’erta ancora
respirare l’aria come lama alla gola.
Andare a piedi fino a dove non senti dolore
solo per capire se sai ancora camminare.
Il mondo è un corpo coperto di lividi,
i miei pensieri sempre più vividi.
Corpi sulla strada che si lasciano affittare,
tavole anatomiche da saccheggiare.
Corpo perfetto, corpo immortale.
Il corpo è la frontiera che si può violare.
SANTI BUROCRATI SANGUE D’IPOCRITI
LA VITA SPESSO È UNA DISCARICA DI SOGNI
CHE SEMBRA UN FILM DOVE TUTTO È DECISO
SOTTO AD UN CIELO D’UN GRIGIO INFINITO.
Andare a piedi fino a dove non senti dolore
solo per capire se sai ancora camminare.
Sono le gambe piene di lividi,
sono pensieri sempre più ruvidi.
Corpi di macerie da telegiornale,
corpi diplomatici in diretta a conquistare.
Suona la marcia suonala ancora,
la morte veste bene quando scatta l’ora.
Cristi che piangono per troppo dolore,
l’angoscia di un pianeta che puoi sezionare.
Taglia la torta, tagliala ancora:
chi è ricco resta vivo mentre il povero muore.
Corpi e macerie da conquistare
per un corpo d’armata sotto le fanfare.
Corpo straziato, corpo a corpo,
il corpo è l’innocenza che si può spezzare.
SANTI BUROCRATI SANGUE D’IPOCRITI
LA VITA SPESSO È UNA DISCARICA DI SOGNI
CHE SEMBRA UN FILM DOVE TUTTO È DECISO
SOTTO AD UN CIELO DI UN GRIGIO INFINITO.
SANTI BUROCRATI SEME D’IPOCRITI
LA VITA È SCRITTA SOPRA UN CUMULO DI SOGNI
COME IN UN FILM DOVE TUTTO È DECISO
SOTTO AD UN CIELO DI UN GRIGIO INFINITO.

Novembre 2007

Ci avrei scommesso…sono arrivato a Firenze e Teresa mi aspettava indossando una minigonna cortissima, autoreggenti e stivali in pelle…Il tempo di un bicchiere di vino bianco, una sigaretta e gia’ mi ero perso nelle sue cosce, nel suo piacere, nelle sue labbra pulite e profumate. Luce bassa, candele, musica in sottofondo…Abbiamo scopato selvaggemente, tutta la sera, sul divano, in terra, sul tappeto…interrotti da una breve cena. Una tregua…fino a quando non si sa’…”…Lo sapevo…dico…non avremmo dovuto vederci…”…”…Io pero’ con te…sto’ bene…dice sorridendo…”…”…Si..anch’io, ma cosi’ non risolviamo niente…rispondo…”….Vedremo, cio’ che succedera’…c’e’ molta confusione da ambo le parti, anche se riconosciamo che e’ difficile andare avanti…Questo tira e molla, ci ha sfiancato, tolto le energie, senza riuscire a prendere un decisione finale…Al bar invece le cose stanno migliorando…e’ aumentato il lavoro nel tardo pomeriggio e mi diverte servire un bell’aperitivo a base di musica, un buon vino e tante candele x rendere piu’ accogliente il locale…Giorno x giorno, senza progetti e tanti sogni…li lascio nel cassetto, economicamente non e’ un buon momento, meglio aspettare, con calma…