Elba

Sono sicuro che troverò mia mamma secca e dura in poltrona o a letto, unici due posti dove passa l’intera giornata…..la vedo indebolire giorno dopo giorno e le varie vicissitudini occorse da quando è andata da mia sorella, la quale come pensavo non ha avuto un briciolo di pazienza, e di conseguenza me la ha sbolognata lo scorso luglio, la stessa pazienza che non ha mai avuto neppure Gessica,  le hanno dato un enorme tristezza e delusione. Ha un carattere difficile, al  limite della sopportazione, non le sta mai bene nulla e ha mille fobie, ma come spesso ripeto è alla soglia dei novanta, non cammina quasi più e non riuscendo più a fare anche le cose più semplici che le riempivano le giornate, dal cucinare a fare un dolce, dal cucire o pulire dove poi solo lei vedeva sporco, le è rimasto solo lo schermo tv e l’attesa per le infermiere a domicilio, che meno male vengono due volte la settimana a curarle delle ulcere che bisognerebbe vederle per capire il dolore che arrecano. Pertanto l’unica soluzione è quella di replicare il meno possibile ed assecondarla anche nei momenti più difficili. Ultimamente si addormenta con una facilità estrema tanto che mi viene spontaneo di avvicinarmi e sentire se respira, sia durante il giorno che durante la notte. In finale siamo rimasti soli, io e lei, mia sorella si fa vedere per un oretta, una  volta la settimana, senza interesse, senza una sorpresa, senza mostrare niente che si discosti da una visita informale, peggio che andare a trovare un conoscente all’ospedale. Gessica invece appena finita la stagione ha subito avuto un inutile discussione che poteva tranquillamente evitare, per finire poi a strascichi di chi era la colpa, di chi ha fatto quello è di chi ha fatto altro. A tutti piace uscirne e rimanere puliti, tutti froci col  culo dell’altri .

Elba

Dopo una mattinata di pioggia intensa la luce del sole sembra grottescamente brillante, come un’ inondazione di diamanti. Sofocle asseriva che la sua liberazione dal desiderio sessuale nella vecchiaia era come la fuga da un padrone pazzo e furioso. A me basterebbe liberare solo la testa dai mille pensieri. I pensieri del cane al quale penso giorno e notte, a quelli per il Bob che sembra abbia ripreso possesso del corpo dopo il lungo intervento ma dove però le speranze di guarigione sono appese a qualche Santo in cielo e infine mia mamma che non posso seguire con costanza dato che mi sparo un 9/21 al lavoro, con mia sorella che non sembra fare abbastanza e soprattutto mettere da parte i rancori e le discussioni avute in passato.

Fernando Pessoa

“ Devo scegliere tra cose che detesto – o il sogno, che la mia intelligenza ricusa, o l’azione, che alla mia sensibilità ripugna; l’azione, per la quale non sono nato, o il sogno, per il quale nessuno è nato. Così, siccome detesto entrambi, non scelgo; ma, poiché ad un certo momento, devo sognare o agire, mescolo una cosa con l’altra. “


Sir Winston Churchill

A parte la truffa del Comunismo, a me i Russi stanno anche simpatici. Sono i crucchi che non sopporto. Loro, i Tedeschi, sono sempre stati il problema dell’Europa. Ne riparliamo fra 50 anni quando avranno rialzato la testa; i gravi problemi per le future generazioni verranno da Berlino e non da Mosca, glielo dice uno che li conosce tutti come le proprie tasche.