To Giuliana

Visto come eri da giovane e dove purtroppo devo andare a scovare i miei lontani ricordi, credo che oggi, giorno del tuo 62imo compleanno, il tuo aspetto fisico sarebbe stato molto simile ai tuoi giorni migliori….ancora magra, i capelli biondi, lunghi, che avrebbero lasciato spazio al brizzolato, non credo avresti usato colori, senza abiti alla moda e senza troppe firme che detestavi già da giovane….La tua semplicità si rispecchiava nella tua libertà, di vita e di espressione….Talvolta incontro per strada alcune donne che furono le tue compagne di banco a scuola….mi fermo ad asservarle senza chiedere niente….guardo loro e penso a te….penso a come saresti tu e come sarebbe stato se ci fossi stata te seduta su quella panchina del viale….Troppo condizionale….troppi se…..Nonostante tutto non riesco a biasimarti….Ne hai combinate così tante che non c’è stato  neanche il tempo….Dispiace solo tanto per le bimbe, per la sofferenza che le è stata creata e per tutta la confusione, omertà, bugie, avvocati cazzi e mazzi che hanno portato avanti una situazione che a casa era andata fuori controllo….erano anche altri tempi, oggi sicuramente sarebbe stato diverso, ma si parla sempre al condizionale, finirò per sognare, al condizionale….Auguri….

Elba

Ventitrè anni oggi cara sorellona Giuliana….Ero in Australia quel 6 dicembre del ’95, al nord, Cairns….faceva un caldo bestiale, appena uscivi dalla camera dell’ostello senza aria condizionata, sembrava di stare davanti ad un forno delle pizze, sudavi anche cacando….telefonai a casa se non sbaglio il giorno dopo, tu come sempre non facevi mai sapere niente di te e lo hai fatto fino alla fine…me lo disse mamma in lacrime, fu Augustin che faceva da ponte dalla Spagna, a riferire….colui che un anno e mezzo prima ti venne a riprendere a casa nostra….un pazzo mai visto….L’ HIV diceva è tutta un’invenzione dei medici….io sempre sesso non protetto con tua hermana e non ho niente….infatti ad oggi ha un’altra donna e due splendidi figli….Mi avevi chiamato da Siviglia con il desiderio di morire a casa…se non sbaglio ho descritto il tutto nel maggio/giugno 2008….andata e ritorno in meno di 5 giorni con un mandato di arresto internazionale che ti pendeva sulla testa….peccato che a me e al Bob lo dichiarasti all’arrivo con la frontiera Francese…nel viaggio ti innamorasti di una canzone dei Mau Mau, soprattutto dopo lo stop a Barcellona per prendere qualche migliaio di pesetas di fumo…….rende rende rende…cantavano….anduma a rende gli onur a cu le cose…e poi altro che distorcerei malamente visto che era in puro dialetto Torinese….Alla prima canna dopo il tuo turno, nessuno di noi due aveva il coraggio di allungare la mano x riprenderla….io facevo finta di essere preso dal traffico, il Bob guardava vagamente dal finestrino….Sta a te gli dicevo….e lui….no vai pure…no vai te….Fu Giuliana che sorridendo disse….Stupidi non si prende l’Aids con la saliva….non dovete aver paura…..Un conto è dirlo, un conto è trovarsi a fumare con un malato terminale….Ci si guardò….vaffanculo come sempre e via….Giuliana rollava, accendeva e passava, ma sopratutto parlava, raccontava di tutto…..Rende rende rende….reina reina reina…..anduma a rende gli onur…fu la canzone più ascoltata durante i 2500 km di viaggio….Arrivasti cadavere ma ancora in tempo per l’ennesimo tentato suicidio e appena tornarono le forze ripartisti come se niente fosse….incredibile….ma almeno là eri libera, nessuno sapeva e nessuno ti avrebbe cercato….qui era impossibile non sapere….Rende rende rende…anche se Zardo era la mia preferita….forse più triste…ma splendida….ora mi viene…Ratatoj si chiamava dall’album Bass Paradis….reina reina reina reina….

Elba

Le aperto il cuore come nessun altra, le ho aperto la casa come nessun altra, l ho presentata ad amici( pochi) e parenti(serpenti) senza mai dire niente e come nessun altra mi ha giudicato non X come sono, sicuramente non il migliore, ma X cosa le è stato detto, tanto, troppo e male…xche’quando parlano di me, lo fanno sempre in maniera poco chiara e ricordandosi solo i troppi (forse) sbagli, e tralasciando quel poco di buono che sono riuscito a fare…è una costante che dura oramai da 40 anni e più che andarli sonoramente nel culo, non posso attualmente fare, se poi la ruota, ne dubito, iniziasse a girare meglio.,,..

Elba

Merda totale….niente migliora, anzi….A mio cognato hanno diagnosticato un tumore all’esofago, sembra addirittura spacciato, porca di quella vigliacca ladra….Non stava bene da diverse settimane, però nessuno avrebbe pensato al peggioor risultato…..56 anni appena compiuti si sarebbe meritato miglior sorte…..Ora inizierà il solito percorso di chemio e forse radio, se dovessero intervenire, altrimenti….Comunque vada non mangerà più come ogni altra pesona, si potrà nutrire con delle sirighe solo tramite un pass posizionato sulla spalla o sulla pancia….meglio una pistolata, che minchia serve continuare così….La vita è uno scherzo, dice sempre mia mamma, anche lei in fase calante, peggiora giorno dopo giorno, magrissima, con poco appetito e pure con la mente in confusione…..continua a ripetere le stesse cose, talvolta senza senso….si lamenta di tutto e di tutti, starle vicino è diventata una missione….subire e darle ragione x evitare discussioni….come con lo Chef al lavoro….tanto ha sempre ragione lui, qualsiasi cosa accada…una persona che non ha il minimo rispetto x gli altri….ho perso pure la voglia di commentarlo….un’altra settimana e il contratto è giunto alla fine, così se lo va a prende nel culo anche lui….

12 Gennaio 2018

E sono sedici….sono passati 16 anni da quell’imcidente di merda….tanti….e non sono riuscito a fare un cazzo….ogni anno mi riprometto di provare a riuscire ma invece totale delusione….niente, se c’è un’occasione arrivo sempre secondo o comunque dopo….se c’è da prenderlo nel culo arrivo sempre x primo….sono sempre alla ricerca di qualcosa che mi permetta di dire basta a questi turni massacranti, disumani, ore su ore sottopagate, ma c’è la crisi e bisogna accontentarsi…..almeno uscisse qualcosa con turno unico….ma come fai a trovarlo che sono sempre piantato la dentro?….Odio i lunch, odio chi viene a mangiare di fretta e non sa cosa mangiare…..chi invece se la prende comoda xchè non ha un cazzo da fare…..odio chi è a dieta e viene solo a rompere i coglioni….odio i business men che parlano solo di lavoro e fica…hanno i cellilari caricati di foto di mignotte delle quali poi vanno fieri e mostrano come fossero un trofeo….Odio le famiglie che appena seduti accendono l’IPad ai prorpi figli che poi rimangono incollatil allo schermo e non sanno neanche quello che stanno mandando giù….giù intanto dal tavolo cade di tutto, pane, forchette, coltelli, tovaglioli…..l unch mi innervosciscano e mi spengono, ti spezzano la giornata in due e le poche ore del pomeriggio le devi usare x risposarti, xchè la sera si replica e di brutto….finisce sempre con un…domani lo faccio….Con lo Chef è tregua a tempo….cioè evito di rispondergli e gli do sempre ragione….tanto è l’unico mezzo che ho x ragionarci….l’altro mezzo che uso è la macchina x andare al lavoro…..lavoro casa, casa lavoro…

Pedro Vidal

L’invidia è la religione dei mediocri. Li consola, risponde alle inqiuetudini che li divorano e, in ultima istanza, imputridisce le loro anime e consente di giustificare la loro grettezza e la loro avidità fino a credere che siano virtù e che le porte del cielo si spalancheranno solo x gli infelici come loro, che attraversano la vita senza lasciare altra traccia se non i loro sleali tentativi di sminuire gli altri e di escludere, e se possibile distruggere, chi, x il semplice fatto di esistere e di essere ciò che è, mette in risalto la loro povertà di spirito, di mente e di fegato. Fortunato colui al quale latrano i cretini, xchè la sua anima non apparterrà mai a loro.