Agosto 2009 – Elba

Il barman va’ via dicendo…”…Gluca c’è una coppia seduta fuori, dai tu un’occhiata se desiderano altro…io vado…ho le palle piene…”…”…Ok…ok…rispondo…”….Guardo fuori, lui grasso e brutto, mi saluta con chiaro accento Milanese…Lei, bionda, sulle unghie ha dipinte delle crocette verdi, puzza di troppo profumo e sulla labbra un rossetto rosso porpora, che potrebbe bastare x una settimana….Parlano della nuova macchina appena comprata…un Suv…”…Pensa dice lui…ha anche la camera posteriore, così sullo screen del navigatore, puoi vedere perfettamente dietro mentre parcheggi…che figata…”….Sono stato più di 6 mesi senza neanche…la retromarcia…mormoro sottovoce…”….Il ciccione pero’ ha l’orecchio fine…”….Come hai detto scusa?…mi dice…”…”…Che…che e’ davvero una bella figata …la cam sul posteriore…”…E’ conivinto…si vede dalla faccia, di aver fatto un grande acquisto…100,000 euro…sai, figa, dice…ho dato l’altra indietro…x 45.000….che vuoi…una diecina d’anni di rate…ma figa, ne vale la pena…che macchina….quando sei in autostrada, continua ridendo…verrebbe voglia di schiacciare le utilitarie, come formiche…”….Che cazzo ha da ridere non lo so’…la mia poi e’ una vecchia utilitaria…Penso che la maggior parte della gente sia matta…e la parte che non e’ matta e’ arrabbiata…e la parte che non e’ ne matta ne arrabbiata, e’ stupida ed infelice…e sono anche difficili da evitare…Il mio vecchio mi diceva sempre…”…Entra in un campo in cui prima ti danno i soldi e poi sperano di riaverli indietro…Sono le banche e le assicurazioni…Prendi i soldi e dai loro in cambio un pezzo di carta…Usa i loro quattrini…Loro sono spinti da due cose…la cupidigia e la paura…tu invece da una sola…dall’occasione…Sembrava un buon consiglio, peccato mio babbo sia morto al verde…”…Fosse stato più stronzo, dice mia madre, sarebbe rimasto qualcosa in più della casa…”…ma a quasi 20anni dalla sua morte, trovo ancora gente x strada che ne ricorda la sua bonta’ e la sua correttezza…

Agosto 2009 – Elbaultima modifica: 2009-08-31T16:23:00+02:00da apoloo1
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Agosto 2009 – Elba

  1. La madre

    E il cuore quando d’un ultimo battito
    Avrà fatto cadere il muro d’ombra
    Per condurmi, Madre, sino al Signore,
    Come una volta mi darai la mano.
    In ginocchio, decisa,
    Sarai una statua davanti all’Eterno,
    Come già ti vedeva
    Quando eri ancora in vita.
    Alzerai tremante le vecchie braccia,
    Come quando spirasti
    Dicendo: Mio Dio, eccomi.
    E solo quando m’avrà perdonato,
    Ti verrà desiderio di guardarmi.
    Ricorderai d’avermi atteso tanto,
    e avrai negli occhi un rapido sospiro.

Lascia un commento