To Simona

E sono 15….il tempo vola….quest’anno anche senza patente, non ci facciamo mancare nulla….Oggi non si fa altro che parlare di voucher….A Londra, qualcosa come una ventina di anni fa, abbiamo lavorato anni con i voucher, con una differenza, se lavoravi 3 ore ti pagavano tre ore, se ne lavoravi sei, te ne pagavano 6, tutte rigorosamente con i voucher, se erano 10, ti pagavano x 10, se 12, x 12 se era una, x una….mai un pound in più, mai un pound in meno….ci potevi dormire sopra le ore lavorate….In Italia con un voucher ci lavori tutto il giorno, 4,5,8,10 ore e il prezzo sempre quello, se va bene una cinquantina di euro, se no ci paghi pure le tasse….Quando sono tornato in Italia, ci avevo pure creduto, ma dopo tutto quello che mi è successo non lo so più….e ho cercato anche di stare tranquillo, senza grossi risultati….ora la mia forza si basa tutta sulla rassegnazione….se solo azzardassi a sperare….

Elba

Da una banca all’altra….la delusione non manca….non c’è verso di ottenere uno straccio di prestito….Questa pratica è debole….questa pratica è troppo tirata….mancano firme a garanzia….quelle che ci sono non sono sufficienti….Ma andatevene affanculo….e rimaneteci pure….Anche il Bob sembra scoraggiato….lui che c’ha una faccia che ci rimbalza un treno…meno male che la prende a ridere…..io invece sono quasi rassegnato….anche senza il quasi….sono più di 3 mesi che va avanti questo tira e molla….e mi sono rotto i coglioni….Dopo un week end a lavare, medicare e fasciare le gambe di mia mamma, sembra ci sia stato un leggero miglioramento….pure Jessika è stata di aiuto con un improvvisato pedicure….se guarisce la porto in ospedale in spalla e  che vada in porto una volta x tutte l’intervento all’anca….altrimenti non cammina più….

Elba

Ogni volta che iniziamo a correre, i primi 20 minuti, cioè prima che il fiato inizi a scarseggiare, sono quelli dove scambiamo due chiacchere, chiacchere di compagnia,  di curiosità, non proprio pettegolezzo, ma comunque quasi tutti tendono sempre a sapere degli altri…..quelle chiacchere insomma che prediligano le donne quando vanno a passeggio…..Roberto mi chiede di Giuliana, si ricorda che questo era il periodo del suo compleanno, in fondo siamo cresciuti a poche centinaia di metri uno dall’altro…..ma aldilà della morte non sa niente di più…..”…..Quanti anni avrebbe avuto oggi?…..mi chiede…..”…..”…..58….cazzo 58…..dico mentre la salita inizia a farsi più dura….”…..”…..E…..e…è seppellita qua…..o…..”……..”……No….è….è….in Spagna…..dove viveva…..”…..”…..Ah….risponde….ma….ma…..le figlie…aveva figlie no?…..”…..”….Si….rispondo….si…aveva…..anzi le ha ancora….(.lo spero anche io)….anche loro in Spagna….sono cresciute la….e….sai…..”…..Ah…ho capito…..stanno con il babbo…….”…..”……Cazzo questa salita dico, è sempre più dura……e…si….e vedrai……stanno con lui….”…..”……Ma non vengono mai qua a trovarti……insomma…ora dovrebbero essere grandi…..”……”…..Sono venute….insomma….tanto tempo fa….che cazzo fra salita e domanda non so più quale è la peggiore…..dove eravamo rimasti?…alla Spagna….si….sono là…..sono sposate….(boh….forse….spero anche quello…..hanno figli)…..e……sai hanno la loro vita la…ci sentiamo……ci sentiamo via email……via…….cazzo questa salita non finisce più….”……”……Capisco….ma vai tu allora….un bel viaggio in Spagna…..in famiglia…..”…..Ci fosse una famiglia in Spagna, borbotto dentro di me….andrei di corsa, anche se non ho nemmeno i soldi x andare dalla famiglia di Jessika…..non so più niente da anni, anzi forse non l’ho neanche mai saputo, dove sono ora…..boh…..Italia, Spagna…Grecia…..chi lo sa…..solo chiacchere….chiacchere da bar….anzi…..coltellate alla schiena che ogni volta si rigirano dentro di te come un cacciavite….non c’è pena maggiore….il non sapere….

Fernando Pessoa

Alcuni hanno un grande sogno nella vita e mancano a quel sogno, altri non hanno nella vita nessun sogno e mancano anche a quello.

Elba

Ecografia, gastroscopia, colonscopia, non si è fatta mancare niente in questi giorni, dopo Tac, trasfusioni di sangue, ferro e antibiotici vari…sembra arrivata ad un bivio, se imbocca la strada giusta ne viene fuori, altrimenti…Intanto in attesa delle risposte, ieri ho compiuto 50 anni…di merda….

Chianti

Blue, il cane che il nostro coinquilino ci avrebbe dovuto lasciare in prestito che con il passare del tempo si è tramutato in adottamento volontario da parte nostra, si è oramai integrato in famiglia alla perfezione…Un’ombra che ci segue dovunque…la mattina è lei a darci la sveglia, passando il suo dolce muso fra le nostre mani, in cerca di quell’affetto mancato, dimenticato da chi, l’ha usata solo x far divertire le bambine, x regalarle il pupazzo, quello vero, che si muove senza pile…scordandosi forse che il loro amore, non è quello di una bambola di pezza…Dopo la perdita di Apollo, ho pensato solo ad un periodo senza animali, xchè nonostante tutto il cane rimane un grosso impegno giornaliero…Ma Blue è invece, il contrario di tutto, la porti fuori senza collare, senza guinzaglio, è un animale talmente docile, pacifico, che quando vede un proprio simile si accuccia e scodinzola…e come si fa a non prendersene cura, a darle quella semplice compagnia che cerca, a coccolarla, curarla, amarla…lei, con noi, lo ha fatto subito, fin dai primi giorni…incodizionatamente…

Elba

Prime festività senza Dimitri…ci manca, a tutti, specialmente al bar, dove era uno dei pochi a cercar di rallegrare l’ambiente anche nei momenti più difficili…ed inveve ci ritroviamo ancora a dover rimpiangere qualcuno…Un brindisi x mio fratello, dice, Luca, uno dei suoi fratelli minori…Metto un cd di Vasco…come avrebbe fatto il vecchio Dimi…parte con Sono ancora in coma….un bell’inizio forte…poi arriva…Ogni volta…che ci rattrista un poì…Vado al massimo…La noia…Luca mi dice…”…la prima volta mi ha aperto la porta, sorridendo, come sempre….la seconda no…sapevo che non stava bene…ma non mi sarei mai aspettato di trovarlo morto in casa…”…Tiro giù un po’ di prosecco, ma non riesco a dire una parola…mi passano davanti una carrellata di immagini, da quando eravamo ragazzi, fino al nostro ultimo viaggio, lo scorso febbraio…Rimango fissato a guardare x terra ede avverto che si sta abbattendo la fine di un periodo…Un’altra battaglia persa…Senti lontano anche gli amici, hanno perso anche loro, come te ed è dura per tutti, ripartire…Le esperienze che un tempo ti portavano gioia, ora si fanno noia e delusione..L’esistenza ti sfugge di mano per il semplice motivo che l’hai vissuta già tutta quanta…Ti guardi allo specchio e ti vedi più vecchio e più stanco, stanco di accumolare delusioni, disgrazie…chi l’avrebbe detto una ventina di anni fà…La noia la noia la noia la noia la noia
io non ci vivo più
restaci tu qui
soffrirò di nostalgia
ma devo uscire fuori da qui
Io devo io devo io devo io devo
e come dicevi tu
tornerai qui
solo quando avrai bruciato tutto
solo allora sì
E la noia la noia la noia
che hai lasciato qui
quella noia che c’era nell’aria
che c’era nell’aria allora
è ancora qui
è qui che ti aspetta sai
e tu ora
non puoi certo più scappare
come hai fatto allora
ora sai che vivere
non è vero che c’è sempre
da scoprire
e che l’infinito
è strano ma per noi sai
tutto l’infinito
finisce qui