Elba – Luglio 1992

Per scoprire la salmonella bisogna effettuare le analisi delle feci almeno 3 volte…nessuno di noi pero’ risulto’ positivo durante le prime due e questo fù in nostro tallone di Achille….”…Mauro, dicevo…ci stanno massacrando di discorsi, denunce, controlli…sulla spiaggia si sente dire di tutto…addirittura che qualcuno è morto dopo aver mangiato un tiramisù…sono proprio fuori…incredibile…abbiamo fatto tutto quanto ci hanno richiesto…la spesa è giornaliera, se avanza qualcosa ce lo mangiamo noi…a fine serata pure le ultime pizze…abbiamo cambiato la vetrina degli antipasti…e i clienti continuano a dire di essere stati male…e nessuno del personale, compreso noi, che siamo 11, ha mai avuto un semplice mal di pancia…”…Intanto le viste dell’Usl si intensificarono, si respirava un’aria pesante…erano presuntuosi, arroganti, maleducati, usavano il loro potere a dismisura…mentre un locale a poche centinaia di metri da noi, una catapecchia di legno marcio, messo sicuramente peggio in fatto di norme sull’igiene, ma dove alla cassa poteva vantare l’aiuto di una persona in pensione…guarda caso, fratello pero’ del ex sindaco….come dire…noi il culo ce l’abbiamo parato…quanto a voi…sono cazzi vostri….E l’Usl infatti non faceva niente x venirci incontro…anzi…te le toglievano dalle mani…il culmine fù raggiunto quando 2 di loro, una calda mattina di fine luglio, indossando con la solita spavalderia ed antipatia cronica il loro camicie bianco,  iniziarono a passare le dita sulle mensole di cucina in cerca di polvere, in un locale che oramai veniva girato come un calzino x non intercorrere nel più stupido degli sbagli…ovviamente oltre al peso e la stanchezza del lavoro…incassavamo circa 3500 euro al giorno…ci portavamo dietro tensione e nervosismo x la situazione….mio padre era morto da soli 3 mesi….lo scusai x cio’ che stavo x fare…ma buttai fuori dal locale quei due bastardi e li mandai affanculo….con tanto di dito medio appoggiato al vetro della loro macchina…Fù la fine…non si dovette nemmeno aspettare il responso delle terze analisi….un’ordinanza del sindaco ci chiuse il locale finchè non venissero effettuati degli stupidi e costosi lavori al magazzino….X riaprire poi, ci è mancato di inginocchiarsi e darli il posteriore…Quando andavamo a chiedere se loro signori, figli di troia, sarebbero stati disponibili x un sopralluogo e dare l’ok alla riapertura, ogni giorno in quel periodo, fine luglio inzio agosto erano migliaia di euro andati in fumo, ci ricevevano seduti con le gambe distese sulla scrivania del loro ufficio, dicendo…”…Se troviamo tempo, passiamo domani…altrimenti dopodomani…”…

Elba – Luglio 1992ultima modifica: 2010-03-29T16:28:00+02:00da apoloo1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento